22 giugno 1986: Maradona, una mano, e Dio…

0
22 giugno 1986: Maradona, una mano, e Dio…

22 giugno 1986. Mondiali Messicani. E in un certo senso non casuale, scrivere del Pibe de Oro, di quel Pibe de Oro, il giorno dopo il crollo nervoso e di gioco di un’altra argentine e di un altro leader: quella di Messi.

La differenza fra i due, non è la classe, ma quello che ci sta attorno, ovvero il carisma, la capacità di essere leader, trascinare, cambiare gli eventi, nel caso la partita.

In moltissimi, sostengono che quel mondiale Diego lo vinse da solo. Beh, il senso dell’affermazione sta proprio in quella partita di quarti di finale. Un goal fra i più belli della storia, e poi Dio e la sua mano.

Diego, e il genio. Diego, e Dio, e Diego e il calcio.

Tutto questo è racchiuso in quel giorno, il 22 giugno 1986, e in quel mondiale vinto /dopo l’Inghilterra vennero Belgio e Germania) forse sì vinto da Diego, soprattutto.

Messi… è spostato un po’ più a lato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.