BARLASSINA – “Proprio qui ho aperto il mio primo conto corrente da ragazzo, qui sono tornato da sindaco di Misinto a battere cassa per chiedere soldi per il territorio. Si chiamava Cassa Rurale ed Artigiana. Nome diverso, ma questa è una realtà che ci ricorda i valori e le tradizioni della nostra terra e si segnala per la sua vicinanza alle famiglie e alle imprese”. Fabrizio Sala, vicegovernatore della Regione Lombardia, ha accettato con molto piacere l’invito che gli è stato rivolto dai vertici della Banca di Credito Cooperativo di Barlassina per l’inaugurazione di una nuova ala in cui spostare servizi e continuare a crescere sempre di più.

“Le banche – ha sottolineato Sala – non sono tutte uguali. Questa è sana, vicina alla popolazione e ancora prima di varcare la soglia si sa che qui si intrattengono ancora rapporti umani. Qui non siamo numeri, ma persone“.

Un concetto che è stato evidenziato anche dal presidente Stefano Meroni, ribadendo che quello che a tutti gli effetti è un piccolo paese ospita in realtà una grande banca che, negli anni, ha saputo crescere proprio per il rapporto di fiducia che è stata capace di instaurare con il territorio.

Siamo tra le migliori banche della Lombardia – ha confermato Giorgio Porro, direttore generale, che in un momento di difficoltà per gli istituti di credito è riuscito a consegnare nelle mani dei soci una banca di credito cooperativo solida e, per molti versi, punto di riferimento – lo confermano tutti gli indicatori. Questo ingrandimento, in realtà, non è dovuto solo alla crescita della banca, ma anche a una esigenza normativa per evitare la commistione tra l’attività propria degli sportelli e quella degli uffici centrali e dei nuovi servizi. Però è un bel traguardo“.

Il merito lo condivide con tutti, compreso chi l’ha preceduto. La nuova ala è dotata di una sala multimediale, attrezzata per conferenze, che sarà condivisa con le realtà del territorio che hanno necessità di spazi. Su proposta del direttore è stata intitolata all’indimenticato Vito Citterio, per anni anima e cuore della banca barlassinese.

La Sala Citterio si affiancherà all’Auditorium, altro spazio BCC aperto e offerto al territorio come spazio di cultura e confronto, per attività come il Barlassina Open Art, che nel 2017 è stato esplorazione del mondo femminile, letto attraverso le opere degli studenti delle scuole della zona.

G.Gal.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.