Bramini pronto a lasciare la villa, resterà una profonda amarezza

0
Sergio Bramini è il tempo delle riflessioni

MONZA – Mancano meno 48 ore allo sfratto fissato per il 18 maggio alle 14, e la solidarietà del quartiere e della gente comune aumenta. Sergio Bramini non è solo, persino l’Enpa ha aperto cancelli del suo canile per accogliere l’anziano pastore tedesco, fedele compagno della famiglia di Sergio Bramini.

“Grazie, immensamente grazie – afferma – Grazie a Giorgio Riva presidente dell’Enpa che aprirà le porte del canile al mio cane che, come scritto sul comunicato dell’Enpa, è  vittima innocente proprio come la mia famiglia dell’ordinaria malamministrazione pubblica. All’Enpa di Monza sono molto legato: lì avevo adottato i miei due cani. Potrò andare a trovare il mio pastore tedesco tutte le volte che vorrò, nell’attesa di trovare un’adeguata sistemazione e riportarmelo a casa”. Per l’altro cane, un rotweiler, Sergio Bramini, ha già trovato uno stallo.

Poi c’è l’aiuto di un commerciante di Sant’Albino che ha aperto le porte del suo magazzino per stipare quegli arredi e quelle suppellettili che altrimenti dopodomani, con l’arrivo del fabbro e il cambio della serratura, rimarranno nell’immobile e verranno vendute all’asta insieme alla casa.

Sergio Bramini è certo: salvo colpi di scena dell’ultimo minuto dopodomani sarà obbligato ad abbandonare la sua abitazione. Ma anche in quel momento la gente del quartiere, della città intera, ma non solo, sarà al suo fianco. Le televisioni locali e nazionali si stanno organizzando per essere presenti fin dall’alba e alcune dalla sera prima con collegamenti anche in diretta; confermata anche la veglia di preghiera e l’arrivo di molti sostenitori.

La gente non teme la chiusura delle strade e un ingente numero di forze dell’ordine: la vicenda di Sergio Bramini è salita alla ribalta delle cronache nazionale e lo scorso 16 aprile lo sloggio è stato evitato solo per motivi di ordine pubblico. Questa volta si tenterà di impedire la mobilitazione, non solo impiegando più uomini e mezzi, ma anche chiudendo al traffico la via Sant’Albino.

“Sono molto demoralizzato e rattristato – aggiunge – Chiudere la via principale del quartiere per buttarmi fuori di casa avrà purtroppo serie conseguenze anche sugli altri residenti del rione, con i quali mi scuso”.

Non ha più lacrime Sergio Bramini; ma solo amarezza, delusione. “Sono solidale con i politici e con i giornalisti – afferma, riferendosi al recente comunicato stampa inviato dall’Associazione nazionale magistrati a difesa dell’operato dei giudici monzesi coinvolti nella vicenda del fallimento Bramini – Ho teso la mano con la proposta sottoscritta dagli onorevoli Andrea Crippa ed Emanuele Pellegrini (entrambi Lega Nord) che si facevano garanti di mostrare la mia villa agli acquirenti e ci hanno sputato sopra. È triste sapere che la mia casa è più appetibile se libera e che, anzi, dovrei ringraziare perché con uno sloggio immediato il Comune mi deve assegnare un alloggio popolare in tempi rapidissimi”.

E la mente di Sergio corre indietro nel tempo. “Arrivo da una famiglia umile – racconta – Vivevo a Milano in periferia, ho imparato a nuotare nel Naviglio. Ero un ragazzino quando esultavo perché ci era stata assegnata una casa popolare, con i servizi igienici interni. Nella vita ho lavorato sodo, studiando la sera, e tutto quello che ho ottenuto me lo sono guadagnato onestamente e con il sudore. E oggi mi ritrovo al punto da capo”.

L’amarezza aumenta pensando al compianto papà, che mi diceva “punirne uno, per educarne cento – aggiunge – Ecco, oggi sembra che la mia vicenda serva solo a questo. Invece di seguire la prassi normale, di un normalissimo sloggio che prevede prima la vendita all’asta e poi entro tre mesi dal pagamento lo sloggio, si è preferisce buttarmi fuori prima”.

L’unica asta, peraltro andata deserta, è datata dicembre 2017. Poi due sloggi annullati e quello che si terrà dopododomani.

“Io non ho paura – conclude – Mi spiace solo per la mia famiglia”.

Intanto è confermata per venerdì 18 maggio anche la presenza di Matteo Salvini, di politici cittadini, regionali e persino di diversi senatori ed onorevoli.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.