Brianzacque ed Enrico Boerci: una fiducia all'unanimità

Brianzacque Enrico Boerci viaggeranno assieme per un altro triennio.

L’assemblea dei soci ha provveduto alla nomina del CdA scaduto, confermando Enrico Boerci presidente e incaricando il CdA di attribuirgli il ruolo di Amministratore Delegato.

La rielezione è avvenuta con lista unica e voto unanime.

Resta al suo posto anche Silvia Bolgia.  Unico nome nuovo della terna che compone il Consiglio di Amministrazione dell’utility del servizio idrico integrato in Provincia di Monza e Brianza è quello  di Gilberto Celletti.

Il board resterà in carica per il triennio 2018- 2020.

Visibilmente emozionato da un caloroso applauso dei Sindaci, Enrico Boerci, 47anni, alla guida di BrianzAcque dal 2015. “ Sono molto contento  della fiducia ottenuta, che mi consente di proseguire questo incarico  continuando  l’azione di sviluppo e di crescita  dell’azienda che va allineandosi alle migliori pratiche del settore idrico pubblico.  Come dimostrano i numeri, molto abbiamo fatto, molto c’è da fare e molto faremo. Siamo impegnati a lavorare per sviluppare un’azienda dell’acqua pubblica più forte e competitiva. Ci focalizzeremo sull’innovazione tecnologica quale asset strategico fondamentale, sull’implementazione degli investimenti che, da qui al 2021, quasi raddoppieranno. E ancora sull’ottimizzazione del servizio reso ai cittadini e ai nostri comuni soci con i quali tesseremo relazioni sempre più proficue”.

In apertura di riunione, Boerci ha rendicontato per sommi capi l’attività svolta nel triennio appena conclusosi con risultati più che positivi per poi proiettarsi sugli obiettivi futuri, a cominciare dagli investimenti che, per il quadriennio, salgono dai 33 milioni previsti per il 2018 ai 42 milioni del 2021 con un investimento per ogni cittadino pari a 47,5 euro.

Di fatto, molti interventi sono orientati alla programmazione e all’implementazione delle infrastrutture idriche in considerazione degli effetti dovuti ai cambiamenti climatici, all’efficientamento energetico come nel caso del cogeneratore, all’innovazione con i progetti sui big data in partnership con il Dipartimento di ingegneria, bioingegneria e robotica dell’Università di Genova e all’efficientamento del telecontrollo.

Sono da inquadrare in chiave di sostenibilità le attività rivolte alla realizzazione dei pozzi di prima falda per innaffiare aree verdi e campi da gioco senza spreco di acqua potabile e l’installazione di erogatori di H2O a Km. 0  nelle scuole, negli uffici pubblici comunali e nelle biblioteche. Un intervento appassionato quello del Presidente, che gli è valso la condivisione corale dell’assemblea.

L’assise, riunitasi l’altra sera a Monza, nella sede dell’azienda in viale Fermi, ha altresì designato i membri del Collegio Sindacale: Paola Paganelli (Presidente) Marco Lombardi e Matteo Vertemati.

E nominato i sette membri del Comitato di Controllo Congiunto per l’indirizzo e il controllo analogo. Sono risultati eletti: Roberto Corti di Desio; Antonio Romeo di Limbiate; Antonio Esposito di Bernareggio; Riccardo Borgonovo di Concorezzo; Giorgio Monti di Mezzago; Angelo Mandelli di Burago Molgora; Pietro Cicardi di Triuggio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.