In città cheerleader da urlo: 11 ragazze convocate per i Mondiali

0

MONZA – Martina Mauri, Sarah Aliprandi, Ilaria Colombo, Carlotta Albanese, Camilla Albanese, Anna Fomia, Giulia Barbanti, Silvia Lanzini, Martina Priolo, Francesca Priolo e Sofia Nava: sono queste le atlete di Monza e Brianza che dal 23 al 30 aprile 2018 rappresenteranno l’Italia ai Campionati Mondiali (Icu World Cheerleading Championships) nella specialità “Performance Cheer” che si disputeranno ad Orlando in Florida.

Un sogno che è diventato realtà in pochi mesi di duro lavoro, sacrificio ma soprattutto entusiasmo. Solo a settembre è stata inaugurata nei locali dell’istituto delle Preziosine in via Pesa del Lino la “Monza Cheer”, la prima scuola in città che insegna questa disciplina sportiva, riconosciuta anche dalla Federazione italiana Fisac Cheer. Una bella soddisfazione per la sua fondatrice e insegnante Pamela Casiraghi, una lunga esperienza alle spalle oltre che coach federale.

Ma per capire meglio questa disciplina sfatiamo subito uno stereotipo: le cheerleader non sono solo le ragazze pon pon, sono prima di tutto atlete che si allenano, che sudano, faticano e soprattutto fanno gruppo.

Ben 55 le ragazze che sono entrate nella scuola cheerleader- con un’età compresa tra i 3 e i 30 anni – suddivise in corsi a seconda dell’età. “C’è chi ha già alle spalle una formazione specifica, per esempio nel mondo della ginnastica artista e chi invece è neofito della disciplina – ha spiegato Pamela Casiraghi che insegna insieme alla collega ed atleta che partirà per i mondiali Martina Mauri – C’è un programma ben preciso e ogni mese ci sono anche lezioni ad hoc sulla parte acrobatica (insieme a Marianna Lunghi) e sulla preparazione atletica (con Niccolò Angeloni)”.

La scuola ha subito suscitato tanta curiosità tra le ragazze che hanno creduto nel progetto sportivo e agonistico che va ben oltre lo sventolare i pon pon, come spesso ci viene rappresentato dalla cinematografia. E la selezione di ben undici atlete per i mondiali negli Stati Uniti sono la conferma della grande preparazione che c’è dietro la formazione monzese. “L’elemento della squadra è fondamentale – precisa Pamela Casiraghi – Con l’impegno e la costanza si raggiungono risultati importanti”.

La coach crede molto in questo progetto: non solo sportivo, ma anche educativo e di formazione e con gioia ci racconta la sua emozione e quella delle undici nazionali che partiranno per gli States. “Non se l’aspettavano – spiega -. È stato un tripudio di gioia e di pianti. Una vittoria e un’opportunità importantissima per queste atlete adolescenti. Hanno lavorato bene, hanno dimostrato una grande voglia di fare e di imparare”.

Ora gli allenamenti per le cheerleader si faranno più intensi e più impegnativi per prepararsi al meglio per i mondiali. Un impegno anche economico per le famiglie che, dall’oggi al domani, si vedono partire le figlie per questa entusiasmante avventura.

Se volete conoscere il mondo delle Cheerleaders di “Monza Cheer” è possibile inviare un’email a info@monzacheer.it.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.