Furto di auto di lusso: indagini partite da Muggiò

0

MUGGIO’ – E’ partita dalla città l’indagine che ha portato i Carabinieri del Comando provinciale di Milano, stamattina all’alba, a dare esecuzione nelle province di Milano, Monza Brianza, Bergamo, Chieti e Pavia, ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari e personali emessa dal Gip. del Tribunale di Monza. Coinvolte 17 persone (7 albanesi, 6 italiani, 1 marocchino, 1 egiziano, 1 rumeno e 1 bulgaro), tra i 21 e i 65 anni d’età, ritenuti a vario titolo responsabili di associazione per delinquere – aggravata dalla “transnazionalità” – finalizzata alla commissione di furti, ricettazione e riciclaggio di autovetture di lusso.

Il provvedimento giunge a coronamento dell’attività condotta dai militari del Nucleo Investigativo di Monza, coordinati dalla Procura della Repubblica di Monza, in seguito al rinvenimento, nel marzo scorso, ad opera dei Carabinieri della stazione di Muggiò, di 2 auto provento di furto, caricate su una bisarca e in procinto di essere trasferite.

I successivi approfondimenti investigativi hanno consentito di individuare un sodalizio criminale attivo prevalentemente nelle province di Milano e Monza e Brianza, resosi responsabile del furto, della ricettazione e del riciclaggio di 23 veicoli di lusso, di grossa cilindrata, per un valore stimato di 1.750.000 euro, 17 dei quali rinvenuti oltre che nel milanese e nel monzese anche nelle province di Ancona, Bari, Bergamo, Brescia, Como, Genova, Verona, nonché in Albania, Germania e Montenegro.

Nel corso dell’indagine sono già finite in manette 7 persone e altre 9 sono state deferite in stato di libertà.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.