Gabriele Micalizzi: la vocazione di fermare la realtà partì da Monza

0
Gabriele Micalizzi
Gabriele Micalizzi

Gabriele Micalizzi, ferito in Siria dall’esplosione di una granata, è un ragazzo che ha trovato presto la sua strada, la sua passione e la sua vocazione. Già dai tempi dell’Istituto d’Arte che frequentava in Villa Reale, a Monza.

La sua musica preferita, era il clic dell’istante esatto in cui potevi fermare le immagini. Quell’attimo che fissa per sempre un fatto, un volto, una espressione e diventa fotografia.

Era stato Fabrizio Delmati, grande fotoreporter brianzolo, d’altra scuola e di altri tempi, ad accompagnarlo da Monza alla sua prima esperienza lavorativa, nel 2004, all’Agenzia NewPress. Da lì Gabriele aveva preso il volo, con le ali del suo talento e i mille aerei che lo avevano portato la dove la Storia, quella piccola ma vera, si scrive.

Dicono che questo mondo non ha più emozioni. E a guardare i social, i post che li riempiono, parrebbe anche vero. Ma purtroppo, troppe volte confondiamo il mondo con quello che vediamo da dietro la nostra finestra, e poco oltre.

Il mondo per fortuna è anche altrove, anche se noi non lo sappiamo, ed è fatto di emozioni. Violenza, rabbia, lotta. Giustizia e ingiustizia. Guerra e pace. Arte e cronaca.

Il mondo vero è quello lontano  espresso dai clic di Gabriele Micalizzi.

Fino a ieri, quando una granata è esplosa devastando il suo volto.

Qualsiasi cosa accada, da oggi, in lui, il mondo raffigurato da Gabriele non morrà.

E lui, il ragazzo con la vocazione del fotografare, potrà comunque essere certo di aver fatto uno dei tanti miracoli che si nascondono dietro la parola arte. Rendere eterni i fatti, i volti, la cronaca che altrimenti sarebbero destinati a morire.

Coraggio Gabriele, qualsiasi cosa accada, la missione è compiuta. Ti aspetteranno poi gli altri viaggi che il futuro ti assegnerà, fra cui quelli per insegnare ai giovani e ai vecchi di questo paese sbandato che le cose vere vanno vissute, tramandate e non solo guardate dentro un telefonino.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.