Golf, l’Open d’Italia abbatte le barriere: sul green la disabilità non è un problema

0

MONZA – A Monza il golf non conosce barriere e anche i diversamente abili possono avvicinarsi e praticare questa disciplina. Tutti sul green a tirare la pallina in buca anche se costretti sulla sedia a rotelle o non vedenti.

Una bella vetrina sociale e sportiva quella che rimarrà aperta per tutto il periodo degli Open di Golf che si disputeranno da domani, giovedì 12 ottobre, a domenica nella suggestiva cornice del Golf Club Milano all’interno del Parco di Monza. Nel grande villaggio allestito a corollario dell’evento sarà presente anche lo stand dell’Aias di Monza dove per tutta la durata della manifestazione i ragazzi diversamente abili potranno avvicinarsi a questo sport, assistiti da maestri formati anche all’insegnamento per atleti non normodotati, due fisioterapisti e un nutrito team di volontari dell’Associazione italiana assistenza spastici. Per l’occasione saranno presenti anche alcuni golfisti disabili, campioni a livello nazionale e internazionale. Entusiasta e soddisfatto il presidente dell’Aias Gaetano Santonocito – peraltro appassionato di golf – che per questa manifestazione ha fatto realizzare centinaia di cappellini con la scritta “Golf Super Abili”

“Il golf è un gioco democratico, aperto a tutti – spiega Nicola Maestroni, maestro di golf e responsabile del futuro settore paralimpico di questa disciplina che parteciperà con una squadra alle Olimpiadi del 2024 – Anche una persona sulla sedia a rotelle può praticare questo sport aiutata da un particolare dispositivo che al momento di lanciare la pallina solleva il corpo dell’atleta”. Il golf, quindi è uno sport che non conosce barriere e che permette a tutti la gioia di vivere l’esperienza di tirare la pallina in buca. Naturalmente nel caso di atleti diversamente abili verranno applicati regolamenti differenti a seconda del tipo di disabilità.

Anche se praticato a livello amatoriale questo sport – sia per i normodotati sia per i diversamente abili – ha importanti effetti benefici: in primis concentrazione e coordinazione. Forse non tutti sanno che, già da qualche anno, diversi utenti dell’Aias di Monza si sono avvicinati a questo sport attraverso l’associazione sportiva Green Monza Golf Club presieduta da Rosarita Trombetta. Una bella squadra formata da tredici golfisti diversamente abili (con disabilità fisiche e relazionali) che giocano, si divertono e si allenano sul campo di via Falcone 15 a Muggiò.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.