Il Movimento 5 Stelle: “La situazione violenza sui treni è fuori controllo”

0
Problemi ferrovie pendolari
Problemi ferrovie pendolari

Ormai gli episodi si moltiplicano. Soprattutto in questo ultimo periodo gli atti violenti commessi a bordo dei treni si stanno susseguendo con un ritmo impressionante. Il Movimento 5 Stelle, a livello regionale, invoca un intervento deciso per porre fine al fenomeno.

“Venerdì – afferma Simone Verni, consigliere regionale pentastellato – il capotreno del convoglio 1670 di ferrovie Nord, linea Milano-Canzo Asso, è stato preso a pugni per essere intervenuto mentre un gruppo di ragazzi stranieri teneva aperta e bloccata una porta del treno, forse per poter fumare. Per fortuna le sue condizioni non sono gravi.
Sabato mattina ci sono arrivate delle foto in cui si documentano numerosi atti vandalici sul treno 25033, linea Como SG – Milano, tra cui numerosi vetri rotti, e ci è stata data la notizia di un’aggressione ai danni di una capotreno“.

“E’ chiaro – aggiunge Verni – che ormai la situazione è fuori controllo e che pendolari e lavoratori delle ferrovie non sono tutelati in nessun modo dalle istituzioni. Mentre i viaggiatori che scendono dal treno vengono sanzionati, gli episodi di violenza a danni di persone e carrozze si moltiplicano. Abbiamo chiesto l’intervento del Prefetto, perché è compito dello stato intervenire. Abbiamo chiesto un incontro urgente all’assessore ai trasporti Claudia Terzi, che ora non è più rimandabile”.

“Fontana – aggiunge Nicola Di Marco, altro consigliere del Movimento 5 Stelle eletto in Regione – aveva dichiarato che qualcosa bisognava fare, ma non ci è dato sapere cosa. Intanto la situazione peggiora di giorno in giorno. Si sbrighi a decidere cosa intende fare oppure ammetta la propria incompetenza e si rivolga alla Prefettura”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.