Longo apre le porte alle associazioni: spazio alla cultura ‘made in Monza’

0

MONZA – Monza apre le porte dei suoi spazi espositivi alle associazioni artistiche cittadine e l’assessore alla Cultura Massimiliano Longo apre le porte del suo ufficio ai sodalizi monzesi per organizzare mostre ed eventi.

L’annuncio giovedì mattina in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’evento “LetterArte 2017” che giunto quest’anno alla decima edizione è stato posticipato dal periodo della Sagra di San Giovanni all’autunno. Ben dieci le associazioni che dal 23 settembre al 30 novembre si alterneranno in Galleria civica promuovendo le loro attività e facendo conoscere i loro artisti e le loro opere, con collettive a tema.

Sotto la regia di Maria Organtini – anima e da sempre presidente del Cenacolo dei Poeti e degli artisti di Monza e Brianza – nella sala civica di via Camperio saranno via via protagonisti il Cenacolo e l’associazione Arte & Arte (dal 23 settembre al 5 ottobre), l’associazione Paolo Borsa e il Circolo fotografico monzese (dal 7 al 19 ottobre), l’associazione Restart e il Circolo Arti figurative (dal 21 ottobre al 2 novembre), la Famiglia acquarellisti monzese e l’Associazione internazionale di Belle Arti Monza e Brianza (dal 4 al 16 novembre) e infine l’associazione scuola di pittura Alessandro Conti e la Scuola di Affresco Andrea Sala (dal 18 al 30 novembre).

L’invito e la richiesta di una maggiore vicinanza delle istituzione arriva direttamente da Maria Organtini che da quasi quarant’anni è presente nel panorama artistico e culturale della città, promuovendo la cultura senza neppure avere una sede per il suo Cenacolo. “Promuovere arte a Monza non è semplice – ha spiegato – Anche per organizzare grandi eventi dobbiamo spesso affidarci alla bontà dei nostri amici, come nel caso di Giuseppe D’Addario che ci apre le porte della sua sede per incontrarci e per parlare. Se avessimo la possibilità di incontrarci potremmo organizzarci meglio”.

Poi un ringraziamento diretto all’amministrazione promettendo di “offrire sempre il meglio dei nostri artisti e al tempo stesso di chiedere al Comune la possibilità in futuro di ospitare anche artisti che provengono da quei paesi della provincia di Monza e Brianza dove spesso noi monzesi troviamo spazi espositivi, ma fino ad oggi non abbiamo avuto la possibilità di ricambiare ospitando artisti da fuori”.

Una richiesta accolta immediatamente dall’assessore alla partita. “Per le associazioni culturali le porte del mio ufficio saranno sempre aperte – assicurato Massimiliano Longo – Anche per incontrarvi e organizzare futuri eventi. In questi anni avete fatto tanto per Monza: vi siete uniti, collaborate non pensando esclusivamente al vostro orticello e questo vi fa un grande onore. Apriremo le porte anche a chi ha aperto le porte ai nostri artisti”.

Ribadendo, come già fatto nelle scorse settimane, la volontà di sostenere la cultura “made in Monza”. “Organizzeremo mostre tutto l’anno evitando inutili sovrapposizioni – ha concluso Longo – Offrendo ai monzesi la possibilità di avvicinarsi al mondo del bello e dell’arte che voi diffondete senza dover scegliere dove andare. C’è un forte legame tra le associazioni culturali cittadine e il Comune, vi garantisco il massimo sostegno in quelle attività che per tanti anni avete portato avanti da soli. Certamente Monza promuoverà eventi a respiro culturale internazionale ma non certo a discapito del vostro operato. Sarebbe da ingrati”.

Barbara Apicella

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.