Nuove generazioni – Viaggio nell’Italia multietnica: una mostra di persone

0
Nuove generazioni - Viaggio nell'Italia multietnica: una mostra di persone
Nuove generazioni - Viaggio nell'Italia multietnica: una mostra di persone

Nuove generazioni: una mostra dove «Non si incontrano le culture, si incontrano le persone». È la citazione delle parole dette al mattino da Giorgio, un ragazzo monzese tra i primi visitatori, ad introdurre l’incontro di presentazione del percorso culturale “Nuove generazioni – Viaggio nell’Italia multietnica”, allestita nei locali della scuola Confalonieri di Monza e visitabile fino a sabato 8 dicembre.

Nella bellissima Sala Maddalena, mercoledì sera, è stato offerto un assaggio della mostra (che già fu presentata al Meeting di Rimini del 2017), con le testimonianze di Abdoulaye Mbodj, primo avvocato di colore del foro di Milano, e Agie Hujian Zhou, proprietario di una ravioleria milanese.

«Nella risposta di Giorgio c’è la chiave di volta del lavoro che abbiamo fatto», ha spiegato Luciano Piscaglia, giornalista di Tv2000 e tra i curatori della mostra. «Volevamo raccontare quella parte di migrazioni che già è presente tra noi, quelle “nuove generazioni” che parlano la nostra lingua e frequentano le nostre scuole. Chi sono? Cosa desiderano? Le categorie della sociologia e della politica ci stavano strette. Volevamo proporre dei volti e delle storie che dessero concretezza alle parole».

Dopo il saluto della dirigente scolastica Annalisa Silvestri («Non basta il numero di alunni stranieri a determinare la pedagogia multiculturale di un istituto») e l’introduzione del docente del Liceo Candia di Seregno Stefano Giorgi, è stato Agie Hujian Zhou a raccontare la storia sua e della sua ravioleria di via Paolo Sarpi, sbocciata in seguito all’incontro con un macellaio italiano:

«Doveva affittarmi un locale dove volevo aprire un negozio di abbigliamento. Poi però quando andammo a firmare il contratto mi buttò lì: “Qua mi sarebbe sempre piaciuto aprire un negozio che vendesse cibo veloce…”.

Io ci rimasi: “Davvero? Sai che da 10 anni io desidero aprire un negozio di ravioli cinesi?”». Una battuta che divenne realtà: i due cominciarono a coltivare assieme l’idea, lavorando nel retro della storica macelleria di Walter a un prodotto che unisse la tradizione culinaria cinese con l’eccellenza della carne piemontese: «Siamo partiti con una signora che lavorava in cucina, farina biologica e carne presa da allevamenti biodinamici. Facevamo assaggiare ai clienti della macelleria i nostri esperimenti. Volevamo fare un solo piatto fatto bene, e da lì non abbiamo mai cambiato». Oggi la ravioleria di Agie dà lavoro a 6 persone, ha aperto un altro negozio sempre nel cuore di Milano ed è stata premiata nel 2016 dal Gambero Rosso come miglior street food.

Abdoulaye Mbodj, invece, ha 33 anni, è originario del Senegal ed è il primo avvocato di colore del Foro di Milano. La stessa città dove il padre, negli anni Ottanta e Novanta, vendeva accendini. La storia di Abdou è nota (è stato ospite anche in trasmissioni tv come “La vita in diretta”) ed è stata raccolta anche in un libro: l’importanza dell’incontro con una maestra delle scuole elementari, le partite a calcio in oratorio (dove lui era accolto sebbene fosse musulmano), gli studi nella provincia lombarda, fino all’iscrizione all’Università Cattolica: «L’unica arma che abbiamo per vincere il pregiudizio sono le nostre storie. Quando si parla di immigrazione mi piace usare l’immagine delle porte girevoli, più che quella dei muri. Non possiamo dimenticarci di diritti e doveri, e questo lavoro va fatto da entrambe le parti: chi accoglie deve farsi delle domande, conoscere fino in fondo il fenomeno. Ma anche noi migranti dobbiamo fare la nostra parte: non dobbiamo avere la sindrome di Calimero, né cadere negli stereotipi. La realtà è molto più complessa: o la si governa o ti travolge».

La mostra Nuove Generazioni resterà aperta nei locali dell’Istituto Statale Comprensivo Confalonieri (Monza, via San Martino 4) tutti i giorni fino a sabato 8 dicembre, dalle 10 alle 18, con ingresso gratuito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.