Un quartiere di Monza diviso a metà a causa di una passerella mai realizzata e oggi ostruita da reti e cancelli. Un’opera progettata ma non realizzata quella che avrebbe dovuto collegare la via Oslavia con la via Valcava e che oggi obbliga genitori e bambini a fare il giro dell’isolato per raggiungere le scuole a pochi metri dal passaggio fantasma.
La segnalazione ci è arrivata da un lettore, che già a novembre aveva inoltrato la denuncia al sindaco Roberto Scanagatti, agli assessori al territorio Claudio Colombo, alla viabilità Paolo Confalonieri e alla legalità Egidio Longoni.
Il tutto con posta certificata e documentazione allegata. Ma da allora nulla è cambiato.
“La via pubblica Valcava è impunemente ostruita da due reti e cancelli  irregolarmente costruiti nelle vicinanze delle scuole elementari di via Monte Bisbino, della scuola media, della biblioteca e dell’area dove viene allestito il mercato rionale”, spiega il lettore.
Con la richiesta che quelle recinzioni vengano rimosse e si realizzi quel passaggio ciclopedonale che dovrebbe collegare via Oslavia e la via Valcava e che già dai tempi della Giunta Faglia era stato previsto.
Ma con il passaggio di due Giunte (Mariani e Scanagatti) ad oggi non ancora realizzato. Così che i quartieri Triante e San Biagio sono divisi a metà, con gravi disagi per coloro che, non automuniti, devono fare un percorso alternativo e più lungo per raggiungere le scuole, il mercato e dalla parte opposta anche negozi e farmacia.
Un percorso che anche noi abbiamo fatto insieme al nostro lettore: soprattutto per gli anziani diventa davvero impegnativo dover raggiungere l’altra parte del rione.
“Eppure il progetto è pronto da oltre dieci anni – continua il nostro lettore – Con un progetto esecutivo già pagato e più volte inserito nell’ambito delle opere pubbliche ma sempre rinviato”.
Nel frattempo è stato realizzata la passerella ciclopedonale del canale Villoresi e posizionati, proprio in quel punto dove avrebbe dovuto essere realizzato quel passaggio, due cartelli: uno che indica il transito solo a pedoni e alle biciclette e l’altro del canale Villoresi strada alzaia con divieti e avvisi.
Ad accogliere la denuncia del residente Michele Quitadamo, candidato sindaco di Sinistra Alternativa Monza che riunisce Partito comunista italiano, Rifondazione comunista e Sinistra anticapitalista. “Questa mancata realizzazione comporta un grave disagio per le famiglie – spiega – In un quartiere già altamente popolato dove ci sono diversi cantieri edilizi. Il traffico in zona è già congestionato, aumenterà con i nuovi residenti, e quella passerella avrebbe certamente agevolato la mobilità ciclopedonale”.
Lanciando una scoccata alla Giunta Scanagatti e alla poca attenzione che, per il candidato che abbraccia le sinistre più radicali, avrebbe riservato al progetto della mobilità lenta.
“Per l’ennesima volta si sono trascurate le necessità e i bisogni dei cittadini – ha aggiunto – Si parla di mobilità pedonale e poi da anni c’è un progetto ad hoc sull’argomento rimasto chiuso nel cassetto”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.