Via Asiago, la sposa triste: due anni di matrimonio, tutti vissuti coi migranti

0
Via Asiago, la sposa triste: due anni di matrimonio, tutti vissuti coi migranti

MONZA – Era il 5 settembre 2015 quando ha realizzato il suo sogno d’amore convolando a nozze con il fidanzato. Poi la gioia e l’entusiasmo di intraprendere insieme un percorso di vita, la fatica e al tempo stesso la responsabilità di accollarsi un mutuo trentennale per l’acquisto di quella casa che da nido d’amore si è trasformata in un inferno. Che oggi sul mercato non ha valore. E per il suo secondo anniversario la sposina di via Asiago ha una richiesta precisa che inoltra al sindaco Dario Allevi e al prefetto Giovanna Vilasi: trasferite tutti i profughi che da due anni vivono in questa palazzina.

“Non sono razzista – esordisce (lo sappiamo bene noi che ormai da tempo la conosciamo, ndr) – Tutt’altro. Soprattutto con i tanti bambini che vivono in questa palazzina e non tutti i migranti creano problemi, non facciamo di tutta l’erba un fascio. Ma siamo esasperati. Io che dovrei ancora essere nella dolce fase della luna di miele e felice di ritornare a casa la sera dopo una giornata di lavoro, rincaso con la tensione a mille”.

Due anni fa, al ritorno dal viaggio di nozze, la sorpresa: dall’oggi al domani oltre un centinaio di profughi erano stato alloggiati nella palazzina, lei il marito e la sua dirimpettaia gli unici italiani in quella scala del condominio.

“Sono stati due anni difficili, forse le istituzioni non se ne sono rese conto e ancora oggi non se ne rendono conto – precisa – Loro, con le loro scelte, hanno trasformato via Asiago in un ghetto, per poi farci passare per quelli che non siamo. Non è stata facile e non è facile tutt’ora la convivenza: ci sono persone che hanno rischiato di perdere il posto di lavoro perché la notte i profughi disturbavano, persone che hanno rischiato l’esaurimento nervoso. Ma nessuno è intervenuto”.

Poi in campagna elettorale il Ministro Marco Minniti dall’oggi al domani ha trasferito ottanta profughi a Milano con la promessa – ad oggi non ancora mantenuta – di allontanare tutti i profughi da quella palazzina.

“A noi non interessa la politica – conclude – Non interessa che il sindaco di Monza è di uno schieramento politico diverso rispetto al ministro. A noi interessa solo vivere finalmente in tranquillità, via Asiago ha già pagato troppo, che Minniti realizzi quanto aveva dichiarato pubblicamente al Binario 7 pochi mesi prima delle elezioni”.

Sono fiduciosi, soprattutto nell’impegno del sindaco Dario Allevi. “Vorrei vedere qualcun altro al nostro posto – aggiunge – Il regalo più bello per il mio anniversario è una telefonata del sindaco o del prefetto che annuncia il trasferimento in toto dei migranti da via Asiago”.

B.Api.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.