MONZA – “Niente fuochi di San Giovanni, ma giochi di luce che facciano ugualmente sognare ed emozionare, preservando il cuore degli animali del Parco e degli amici a quattro zampe che vivono nelle vicinanze”. Questo l’appello che Barbara Zizza – anima del gruppo facebook “Monza a 4 zampe” – lancia ufficialmente al sindaco Dario Allevi e a tutta l’amministrazione comunale nella speranza che quest’anno i fuochi del 24 giugno siano un momento di festa anche per gli animali.

“Il primo cittadino e tutta la giunta si sono dimostrati molto attenti e sensibili alle esigenze degli animali – spiega Barbara Zizza – Mi auguro che questa sensibilità venga dimostrata anche in occasione dello spettacolo pirotecnico. Per gli animali che vivono nel Parco, ma anche per i cani che accompagnano i loro padroni o vivono nelle vicinanze del grande polmone verde, i fuochi abbinati al forte rumore improvviso sono un colpo al cuore”.

Zizza non vuole certo abolire l’evento che chiude i festeggiamenti della Sagra di san Giovanni e richiama tantissime persone da tutta la Brianza. In migliaia, sul pratone, con il naso all’insù ad ammirare lo spettacolo pirotecnico: un susseguirsi di colori, musiche e poi i tre botti finali che chiudono l’evento. Autentiche esplosioni che fanno spaventare gli animali selvatici che vivono nel parco: per cavalli, scoiattoli, conigli, lepri, ricci, cigni, papere lo spettacolo pirotecnico è a rischio infarto.

“Ben venga l’evento conclusivo della Sagra di San Giovanni – ribadisce Barbara Zizza – Ma mi piacerebbe che quest’anno davvero ci sia sensibilità e attenzione per gli animali e l’ambiente sostituendo i tradizionali fuochi d’artificio con altrettanto suggestivi giochi di luce”.

Sulla stessa linea anche Giorgio Riva, presidente dell’Enpa di Monza, che ribadisce la richiesta che da anni la sezione cittadina dell’Ente nazionale protezione animali invia alle amministrazioni che via via si sono succedute. “Che i fuochi di San Giovanni non siano un momento di festa per le persone e una notte infausta per gli animali che rimangono scioccati dai forti botti – commenta Riva – Auspico che questa amministrazione comunale che si è dimostrata molto sensibile alle problematiche degli animali prosegua sulla strada intrapresa; come a Capodanno sono stati vietati i botti, spero che quest’anno i rumorosi fuochi di San Giovanni vengano sostituiti da altrettanto suggestivi giochi di luce come avviene in molte altre città italiane. Monza si sta dimostrando una città pet friendly, ma si fare molto di più”.

Barbara Apicella

1 commento

  1. Se avessimo questa sensibilità verso gli umani saremmo signori!!! Piuttosto che ritorni la storica mostra zootecnica di S. Giovanni castarta dagli animalisti. Se la mandiamo nell’oblio questo sì sarebbe “un colpo al cuore”.
    Paolo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.