Acquisti, lo shopping si sposta in rete

0
Acquisti
Acquisti

Cresce l’uso del web per qualsiasi azione di carattere quotidiano, dalle più impellenti a quelle che hanno un risvolto prettamente ludico. Una ascesa esponenziale e costante, che non più essere quindi circoscritta esclusivamente ai mesi del Covid nei quali, necessariamente, ci si è rivolti al web con maggiore frequenza.
Sono in particolare gli acquisti che seguono sempre più una strada multimediale passando quindi attraverso internet: lo shopping online è uno dei principali trend già da anni, da quando gli italiani hanno iniziato a fidarsi, dopo una breve diffidenza iniziale, ed a fare shopping in rete. Merito anche dei giganti del market place, da Amazon in avanti, che hanno avuto un ruolo determinante in questa opera di crescita della fiducia.
Ma non ci sono soltanto i grandi player, ormai colossi di livello mondiale: perché l’acquisto online passa anche attraverso una miriade di siti ed ecommerce vari, un macrocosmo composito che ricorda molto il tessuto delle piccole e medie imprese di una volta.

Vendere tramite la rete

E se sono in tanti ad acquistare tramite il web ecco che, di pari passo, aumentano le opportunità per tutti coloro i quali volessero lanciare un progetto imprenditoriale andando a sfruttare i vantaggi della rete: e si parla quindi di minor costi iniziali rispetto ad un negozio tradizionale fisico; minor burocrazia; possibilità di raggiungere un pubblico potenzialmente smisurato, dato che si opera in rete e si può arrivare ovunque, senza restare confinati da un punto di vista territoriale.
Ovviamente ciò non vuol dire assolutamente che sia facile iniziare a fare impresa online: le difficoltà ci sono così come i costi iniziali, seppur minori. Il primo passo è avere a disposizione la piattaforma per poter lavorare: un qualcosa di complesso, che a meno di particolari competenze non ci si può far da soli.

I siti ecommerce

Solitamente ci si rivolge a realtà specializzate proprio nella creazione di siti ecommerce. Perché creare un negozio online, virtuale, non è impresa per tutti ma un’opera pe professionisti del settore, soprattutto se si hanno ambizioni importanti e si vuole fare realmente impresa in rete.
D’altra parte il momento è particolarmente buono visto che la crescita degli ecommerce in Italia procede su percentuali tra il 40 ed il 50% anno dopo anno. E nel 2020, causa proprio emergenza Covid, si è registrato un picco del +81% con l’ingresso in scena di comparti prima borderline, come alimenti e bevande (soprattutto vini). Numeri da tenere a mente per chi volesse provare a cogliere l’occasione di delocalizzare la propria attività in rete o di lanciarne una nuova, direttamente online.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.