Carte Pokémon e collezionismo, un mercato da migliaia di euro: quali sono le più costose

0
Carte Pokémon
Carte Pokémon

I trentenni di oggi è molto probabile che siano nati e cresciuti insieme alle carte dei Pokémon, che iniziarono a spopolare in Italia ad inizio anni 2000. Tantissimi ragazzi si davano appuntamento di fronte alle tabaccherie o ai club del fumetto, per comprare queste carte, per scambiarle e ovviamente per giocarci. Oggi, però, attorno alle carte Pokémon – e al collezionismo in generale – è nato un fenomeno economico senza paragoni, con alcuni pezzi pregiati che hanno raggiunto un valore enorme.

Il fenomeno delle carte Pokémon e il boom del collezionismo

Sembrava una bolla pronta a esplodere, e invece l’economia delle carte Pokémon è ancora viva. E in ottima salute, considerando che il loro mercato è nuovamente esploso negli ultimi due anni. Si fa riferimento soprattutto all’ambito del collezionismo, dato che oramai i giocatori rimasti sono pochi, anche perché attualmente i giovani sono attratti da altri hobby ludici. In molti, oggi, sono alla costante ricerca di pezzi limitati che potrebbero prendere valore con il tempo, da acquistare privatamente o tentando la sorte con i pacchetti che si trovano in edicola. Ma chi ha giocato in passato con le carte dei Pokémon, conservando la collezione dell’epoca, oggi potrebbe ritrovarsi qualche autentico gioiello nel cassetto.

Quello delle carte Pokémon, però, è solo uno dei tanti esempi che riportano l’attenzione sul mondo del collezionismo e ciò che gli gira attorno. Dai fumetti, agli orologi, infatti, si parla di veri e propri mercati – possibilmente redditizi – con delle regole ben definite. Fare un investimento a lungo termine su una collezione richiede però tempo, studio e soprattutto denaro da impiegare. Per riuscirci si potrebbe pensare, ad esempio, di inoltrare la richiesta di un prestito online su Younited-credit.com per ottenere liquidità. Così facendo si avrà a disposizione una cifra ideale per acquistare i giusti pezzi presenti sul mercato, attendendo che salgano ancora di valore per poi eventualmente rivenderli, guadagnando così grazie a una plusvalenza. Naturalmente è fondamentale conoscere il valore di questi oggetti, come nel caso delle carte Pokémon che devono essere sempre in condizioni perfette: ognuna di esse dovrà essere accompagnata da una certificazione PSA di alto livello.

Quali sono le carte dei Pokémon con il valore più alto

Quello delle carte Pokémon è un mercato da centinaia di migliaia di euro: un valore testimoniato da una recente vendita di un Charizard, in condizioni immacolate, alla cifra record di 265 mila euro. Questo è soltanto un esempio di quanto si possa guadagnare grazie a queste carte, dato che oggi ne esistono alcune in particolare con un valore a dir poco folle. Molte di queste sono giapponesi, e sono rarissime in Italia, dato che ai tempi potevano essere acquistate solo su eBay, e in pochi utilizzavano Internet.

Si fa ad esempio riferimento alla rarissima carta di Rayquaza, con un valore intorno ai 45 mila dollari, oppure alla variante del Charizard black della linea Gold Star, con un valore oltre gli 80 mila dollari. La lista dei gioielli di carte prosegue con altri esempi come la promo di Magikarp e la carta MewTwo di Secret Super Battle. Anche la Holographic di Lugia ha un valore stellare, e lo stesso discorso vale per la Holo di Kangaskhan. Queste carte, un giorno, sono forse passate per le nostre mani e magari, alcuni di voi, potrebbero ritrovarsi un tesoro inaspettato in un cassetto della vostra vecchia cameretta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.