Giochi di carte olio su tela: i richiami al gambling nel mondo dell’arte

0
Giochi di carte olio su tela
Giochi di carte olio su tela

Quando si parla di gambling, spesso si pensa che si tratti soltanto di un gioco, ma in realtà è molto di più. Sono stati infatti numerosi gli artisti che si sono ispirati al gioco d’azzardo, per realizzare romanzi, canzoni e molti altri prodotti. Non sfugge a questa regola la pittura, che ha pescato a piene mani dal mondo del gambling. Si tratta quindi di un tema che richiede un approfondimento, per scoprire quali sono stati i richiami migliori per la versione olio su tela del gioco d’azzardo.

L’arte ispirata al gioco d’azzardo

I primi richiami artistici al gioco d’azzardo risalgono ai tempi dell’Antico Egitto e dell’Antica Grecia, lo testimoniano gli omaggi lasciati sotto forma di affreschi sulla tomba di Nefertari o alla partita a dadi ritratta in un vaso egizio datato al 530 a.C. Non solo in Grecia, ma anche in Italia si registrano produzioni artistiche e mosaici antichi che ritraggono i giocatori, come nel famoso mosaico della Basilica di San Savino a Piacenza. Impossibile poi non citare opere d’arte più recenti e dal valore incalcolabile come I Bari di Caravaggio e Litigio in un gioco di carte di Steen.

Fra le migliori opere ispirate al gambling troviamo il già citato dipinto I Bari di Caravaggio, insieme ad altri quadri storici e dal valore incalcolabile come Al tavolo della roulette di Edvard Munch, I giocatori di carte di Paul Cézanne e Blackjack di Remo Squillantini, anche se uno tra i più famosi in assoluto per questo filone è il quadro di Cassius Marcellus Coolidge, Cani che giocano a poker. Questo quadro viene infatti considerato come la massima espressione dell’arte nel settore dei dipinti ispirati al gioco d’azzardo in stile kitsch, e l’autore ne produsse diverse varianti (otto in totale).

In base a quanto visto oggi, il mondo dell’arte non si è mai tirato indietro di fronte al gambling, anzi, ha accettato questi giochi come autentica e viscerale forma di ispirazione per alcuni quadri che hanno fatto la storia. Il fascino del gioco d’azzardo è un’attrattiva che va dunque avanti da tempo, e che riesce a regalare emozioni non solo ai giocatori ma anche a chi lo rivive attraverso queste forme. D’altronde l’arte, al pari delle altre espressioni artistiche, cerca di raccontare e testimoniare un mondo passato che si allontana molto da quello che rappresenta oggi il settore gambling, visto che le sedute di gioco sono sempre più rare. Si sono invece moltiplicati i canali digitali che consentono di prendere parte a delle sessioni di live gaming direttamente da casa, e che offrono lo stesso catalogo di giochi che potrebbe prevedere una sala in presenza, basti pensare alle sale da gioco di Leo Vegas, ad esempio, che mettono a disposizione sessioni di blackjack o di roulette online in modo sicuro e certificato, senza dover compiere spostamenti o trasferte per raggiungere le sale. Pertanto, non solo il modo di giocare è sostanzialmente cambiato rispetto al passato, ma anche il profilo del giocatore si sta lentamente evolvendo e forse, un giorno, verrà ricordato in qualche dipinto d’autore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.