Scenari per il futuro: a Monza se ne discute con Acinque

0
Scenari per il futuro
Scenari per il futuro

Scenari per il futuro, fra crisi e opportunità. Martedì 18 ottobre, presso la sede di Assolombarda di Monza (Via Petrarca 10, ore 18) prosegue il ciclo sui temi delle trasformazioni in atto e dell’energia promosso dal gruppo Acinque.

Gli incontri sono aperti a tutti, sino ad esaurimento posti. Prenotazioni all’email: segreteria.scenarifuturi@acinque.it

La nostra società e il futuro. Quali sfide? Quali rimedi? Quali opportunità? I temi dello scenario energetico, della transizione ecologica e dell’innovazione sono al centro del ciclo di incontri promosso da Acinque (nuova denominazione di Acsm Agam dal primo di ottobre, a coronamento del processo di integrazione fra le utilities dei territori del nord Lombardia).

La testata del ciclo è Scenari per il futuro – Conoscere. Comprendere. Agire #incomune e focus dell’appuntamento monzese sarà “Ripensare il mondo tra scambi commerciali e strategie energetiche”.

Si confronteranno Andrea Molocchi (ricercatore presso Ricerca sul sistema Energetico), Emanuele Martinelli (Ceo Energia Media) e Giovanni Chighine (amministratore delegato di Acinque tecnologie).

I lavori saranno aperti dal presidente di Acinque Canzi. Moderatore il coordinatore del ciclo, il prof. Pierangelo Marucco (Design Culturale del territorio).

“Con questo percorso, che chiama a raccolta relatori di altissimo livello, intendiamo proseguire il dialogo con il territorio e in particolare con le imprese secondo il modello di rete che è alla base della nostra aggregazione, fondata proprio sull’integrazione delle risorse territoriali al fine di accrescerne la capacità competitiva ed essere protagonisti del proprio futuro” ha spiegato il presidente Marco Canzi.

“In un momento estremamente delicato per le famiglie e le imprese – ha concluso Canzi – ci sentiamo investiti da una responsabilità più ampia rispetto al consolidato ruolo di punto di riferimento nelle forniture e nei servizi legati all’energia e alla vivibilità dei centri urbani. Responsabilmente, vogliamo contribuire all’analisi e all’approfondimento di un passaggio storico cruciale, individuando le opportunità che si prospettano per le comunità, le amministrazioni locali e le aziende anche attraverso la leva dell’innovazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.