Ferrovia Milano Monza. Era venuta prima la Borbonica Napoli – Portici, inaugurata 10 mesi prima, ma quella milanese fu la prima linea di treni di progettazione italiana.

Le linee ferroviarie, avevano innescato una rivoluzione inimmaginabile. Un paese come gli Stati Uniti basandosi sulla ferrovia stava diventando una potenza planetaria (il mito della nuova frontiera) .

Ferrovia voleva dire innanzitutto industrie collegate, metallurgiche e ingegneristiche. Voleva poi dire spostamento veloce di lavoratori, di merci, di mercati, di culture.

La Ferrovia era insomma il braccio armato della rivoluzione industriale. Progresso tecnologico che il nord d’Italia abbracciò convinto partendo proprio da quella Ferrovia Milano Monza che sostituì l’idea nata qualche mese prima di una linea Milano Como.

Il progetto “Milanese” della Ferrovia Milano Monza fu del costruttore Giulio Sarti e venne approvato da Vienna nel 1839.

Dopo appena un anno, la ferrovia a binario unico veniva inaugurata, e divenne da subito operativa.

La stazione milanese della Ferrovia Milano Monza, venne messa fuori comune, cioè fuori dalle mura, ed è una costruzione attualmente ancora visibile nei pressi di Porta Nuova.

Ferrovia Milano Monza. La stazione di MIlano oggi
Ferrovia Milano Monza. La stazione di Milano oggi

Quella di Monza, nei pressi del centro cittadino è ancora l’attuale. All’interno venne successivamente realizzata la saletta reale.

Il primo viaggio durò 19 minuti, alla media di 40 all’ora, una velocità inaudita per un trasporto che allora era basato o sul cammino, o sulle carrozze.

Da quel giorno, in breve la rete ferroviaria di Milano crebbe, contemporaneamente alla nasciata del trasporto urbano pubblico con la realizzazione dei primi omnibus a cavalli, annunciando una città in cui le nuova classi avevano il diritto di spostarsi comodamente, emulando i nobili nei diritti e nelle prospettive culturali.

Insomma, quella era una Milano e un nord in grado di recepire da subito le opportunità date dall’innovazione tecnologica e industriale. Una Milano in grado di realizzare l’impensabile in tempi stretti e sorprendenti. Una Milano pronta a spostarsi in maniera nuova nel futuro.

Una Milano… Milano!

 

 

1 commento

  1. La stazione di Monza NON è quella originaria del 1840, che si trovava dove oggi c’è il cavalcavia Turati. Quella attuale fu costruita dal 1882 al 1884 arretrandola per adeguare gli impianti, essendo la vecchia stazione incuneata e disagevole in mezzo al bivio fra i due prolungamenti. L’edificio del 1840, conservato per uffici, fu poi demolito nel 1901 quando appunto si dovette costruire il cavalcavia. L’antico binario unico corrisponde all’attuale terzo binario, che proseguiva dritto fino alla vecchia stazione, leggermente a Est rispetto alla torre ottagonale dell’acqua che tuttora esiste.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.